Calcolo voto di laurea

Calcolo voto di laurea: come funziona?

RedazioneIn Evidenza, News

CONDIVIDI SU:

Calcolo voto di laurea, come si fa? La guida completa: la media ponderata, quali CFU da calcolare e come arrivare a 110 e lode.

Ad una prima occhiata, il calcolo di voto di laurea può sembrare una questione spinosa e complicata. Ma non ti preoccupare: non è così! In realtà l’operazione è fatta di pochi passaggi alla portata di chiunque. E quando si avvicina il momento della discussione della tesi, tutti vogliamo sapere quale sarà il punteggio di partenza del nostro voto finale: sarà 107? Sarà 106? Sarà di meno? In questo articolo, trovi tutte le informazioni su come ottenere il tuo voto d’ingresso.

Calcolo voto di laurea: la media ponderata

Alle medie e al liceo ci hanno insegnato come calcolare la media aritmetica, ma forse non ci hanno spiegato la media ponderata. La media ponderata è il calcolo su cui si basano le Università per calcolare il voto di laurea.

Per calcolare la media aritmetica fra due numeri, come forse saprai, è sufficiente fare la somma delle due cifre e dividere per due. Se vorrai fare la media di tre numeri, farai la somma e dividerai per tre, e così via.

La media ponderata è più complicata per una sola ragione: associa a ciascuna cifra un valore.

Ci spieghiamo meglio. Ogni esame universitario vale dei CFU: per esempio, nello stesso corso di laurea, il laboratorio di Chimica può valere 6CFU, mentre Biologia può valere 12CFU. Questo significa che, rispetto al laboratorio di Chimica, il corso di Biologia sarà più lungo, avrà una mole di studio maggiore e ti costerà più impegno e fatica.

Grazie alla media ponderata, il tuo voto di laurea tiene conto dell’importanza di ciascun esame. E’ giusto, infatti, che prendere 30 ad un esame da 5 CFU non valga quanto prendere 30 ad un esame da 12 CFU.

Come si calcola la media ponderata?

Per calcolare la media ponderata, segui questi step:

  1. Innanzitutto, devi moltiplicare ogni voto d’esame per il numero di CFU corrispondenti;
  2. Poi dovrai sommare tutte le cifre ottenute. Il risultato dell’operazione sarà un numero molto alto, quindi se vedi grandi cifre non ti spaventare;
  3. Ancora un’altra somma, ma stavolta fra i CFU. Prendi i CFU che hai moltiplicato con i voti degli esami e fai la somma di questi. Tieni conto che ogni anno accademico ha esami per un totale di 60CFU.
  4. Infine, dividerai la prima cifra ottenuta per la seconda: quella sarà la tua media ponderata.

In breve, bisogna moltiplicare ogni voto d’esame in trentesimi per il numero di CFU previsti per l’esame stesso. I valori vanno sommati e poi divisi per il numero di crediti. Quella che otterrai sarà la tua media ponderata. Ti torna?

Il voto d’ingresso?

Forse ti sei accorto che la media ponderata corrisponde alla tua media, ma non al voto in base 110 con cui ti siederai alla discussione di laurea.

Il passaggio è il seguente: dovrai moltiplicare la media ponderata per 110 e dividere tutto per 30.

Questo risultato sarà quello con cui ti presenterai alla Commissione.

Calcolo voto di laurea triennale

Se hai la sensazione di aver sbagliato qualcosa, entriamo più nel dettaglio di come si calcola il voto di laurea del corso triennale, sia che tu sia iscritto a una Università tradizionale che Telematica.

Come saprai, i CFU di una laurea triennale sono in totale 180. Facciamo finta che tu abbia superato 12 esami da 12 crediti e 4 esami da 6 crediti. Il totale dei crediti che hai conseguito porta 168, e va bene così: infatti, i 12 crediti che ti mancano per arrivare a 180 saranno quelli attribuiti alla prova finale, cioè alla discussione della tesi di laurea. Fai attenzione! Non devi considerare questi CFU nella media ponderata. Se dividerai tutto per 180, infatti, la tua media verrà sensibilmente più bassa di quanto non sia realmente.

Procediamo al calcolo:

  • Supponiamo che tu abbia preso 28 a tutti gli esami. Il risultato di 28×12 è 336, e 28×6 fa 168.
  • Visto che hai preso 28 in 12 esami, dobbiamo fare 336+336+336+366+366+366+366+366+366+366+366+366, cioè 336×12: fa 4032. Stesso ragionamento per i 4 esami da 6 crediti: 168x
    4 fa 672. La somma di 4032 e 672 equivale a 4704.
  • Ora è arrivato il momento di dividere la cifra appena ottenuta per il numero di crediti presi in considerazione (che sono 168): 4710/168 fa 28, come previsto: questa è la tua media ponderata.
  • Eccoci arrivati all’ultimo passaggio, il calcolo del voto d’ingresso: 28×110/30 fa 102,6.

E le idoneità? Come si calcolano nella media ponderata? Giusta domanda. In tutti i corsi di laurea, ci sono CFU ai quali non corrisponde un voto in trentesimi, ma solamente un voto del tipo “ideoneo” o “non ideoneo”, come i laboratori di lingua straniera o gli stage. Non ti preoccupare: questi CFU non hanno alcun peso nella media ponderata. Quindi, semplicemente, ignorali, e stai attento ad escluderli quando calcoli il numero di CFU che hai ottenuto.

Favicon Unitelematiche ISCRIZIONE AGEVOLATA
Richiedi una consulenza gratuita a uno dei nostri Coach per ricevere tutto il supporto necessario pre e post iscrizione a un’Università Telematica!

Calcolo voto di laurea magistrale

Per quanto riguarda la laurea magistrale, il procedimento è lo stesso. Tieni a mente che il numero totale di crediti di una magistrale è di 120 CFU e che forse avrai fatto meno esami rispetto alla triennale.

Il punteggio della tesi: come prendere punti bonus e arrivare a 110

Se il voto d’ingresso ti sembra un po’ basso, è perché non stiamo considerando gli eventuali punti della tesi ed i punti bonus. Di che si tratta?

La discussione della tesi ti farà quasi sicuramente guadagnare dei punti extra. Quanti saranno, è difficile saperlo in anticipo: dipende dall’Ateneo, dalla chiarezza della tua esposizione, dalla qualità della tesi e anche da quanto è sperimentale. Sappi però che, di solito, le Università prevedono l’assegnazione di un punteggio da 1 a 6 per la discussione della tesi. Altre Università, invece, non hanno regole precise in merito, e tutto dipende dalla tua Commissione.

I punti bonus, invece, vengono spesso assegnati in base a criteri fissi:

  • Laurearsi in tempo: laurearti in corso (e non fuori corso) può portare all’aggiunta di 1, 2 o addirittura 3 punti al tuo punteggio finale;
  • Bonus lodi: in molti atenei, se hai ricevuto più di cinque volte il voto di 30 e lode nel tuo percorso universitario, hai diritto a dei punti aggiuntivi, a discrezione della Commissione;
  • Punti tesi: come abbiamo detto, ti verranno assegnati dei punti in base alla discussione della tua tesi.

Abbiamo detto tutto sul calcolo del voto della tesi di laurea. Se hai altre domande da fare, non esitare a contattarci!