Corso di laurea in Moda Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia (Classe L-26)


Obiettivi Formativi

Il corso di laurea in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia si caratterizza per la presenza di insegnamenti ad elevato livello di approfondimento in tutti i settori che riguardano da vicino la produzione ed il consumo del cibo. Accanto alle materie più tradizionali presenti nei corsi di nutrizione e scienza degli alimenti, troviamo discipline tipicamente gastronomiche, che studiano gli aspetti del cibo che vanno oltre la sua semplice funzione di alimento, rendendolo fonte di piacere e di cultura: lo studente si troverà ad occuparsi tanto di Igiene e microbiologia degli alimenti quanto di Tecniche di degustazione, tanto di Scienza e teconologia degli alimenti quanto di Storia del cibo nell’arte e di Gastronomia internazionale.

In particolare, il laureato dovrà:

  • possedere un’adeguata conoscenza di base nei settori della matematica, fisica, informatica, chimica e biologia, orientate agli aspetti applicativi;
  • conoscere le metodiche disciplinari di indagine e a finalizzare le conoscenze alla soluzione dei molteplici problemi applicativi del settore agroalimentare;
  • possedere conoscenze e competenze, anche operative e di laboratorio, in uno o più settori che riguardano l’agrario (con particolare riferimento agli aspetti quantitativi delle produzioni, ai relativi aspetti igienico-sanitari), l’agroalimentare (con particolare riferimento alla tecnologia e al controllo della qualità e dell’igiene degli alimenti freschi e trasformati, alla gestione delle imprese di produzione, conservazione e trasformazione dei prodotti agroalimentari, alla commercializzazione dei prodotti vegetali ed animali);
  • essere in grado di svolgere assistenza tecnica nel settore agroalimentare;
  • conoscere le responsabilità professionali ed etiche;
  • conoscere i contesti aziendali ed i relativi aspetti economici, gestionali ed organizzativi propri dei settori agrario e agroalimentare;
  • conoscere i prodotti alimentari dal punto di vista dei contesti tipici di consumo, sia tradizionale che innovativo, nelle diverse aree geografiche del pianeta;
  • conoscere le tecniche ed il linguaggio della degustazione e della critica gastronomica;
  • conoscere la storia della gastronomia e della letteratura e dell’arte che riguardano il cibo;
  • conoscere tecniche e modalità di promozione dei prodotti;
  • possedere gli strumenti cognitivi di base per l’aggiornamento continuo delle proprie conoscenze;
  • essere in grado di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell’Unione Europea, oltre l’italiano, nell’ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali;
  • possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell’informazione;
  • essere capaci di lavorare in gruppo, di operare con definiti gradi di autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro.


Ambiti Occupazionali

I laureati in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia potranno indirizzare la loro attività professionale in diversi ambiti, con particolare riferimento alle tecnologie e controllo delle produzioni vegetali ed animali nei loro aspetti qualitativi ed igienico-sanitari ed alla trasformazione agroalimentare (con particolare riguardo alla produzione ed al controllo dei processi di trasformazione e conservazione dei prodotti alimentari, alla valutazione della qualità dei prodotti finiti, agli aspetti igienico-sanitari, alla ristorazione collettiva e alla grande distribuzione, alla gestione delle linee di produzione).

Il corso di laurea in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia prevede, tra gli sbocchi professionali possibili, l’inserimento dei laureati nei Servizi regionali di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN) e si differenzia dal Corso di Laurea in Dietistica poiché quest’ultimo ha come scopo principale la formazione di personale da inserire presso nosocomi e strutture cliniche pubbliche e private per la stesura di programmi dietoterapici per la prevenzione e la cura di patologie ad interesse nutrizionale.

Il corso va anche a colmare le lacune degli innumerevoli settori del nostro paese, come pure in ambito europeo, nel controllo delle preparazioni gastronomiche che devono garantire la sicurezza degli alimenti e la salute del consumatore in termini di qualità dietetica di preparazioni più rispondenti a combattere gli eccessi alimentari in particolare quelli che predispongono l’individuo al sovrappeso e all’obesità ed alla prevenzione delle malattie dismetaboliche.

Per le competenze acquisite, i laureati potranno trovare impiego anche in ruoli più strettamente legati al mondo della gastronomia, dal Food and Bevarage Manager all’organizzatore di fiere ed eventi, al giornalista eno-gastronomico.

Per Iscrizione ed Informazioni scrivere a: info@centrouniversitario.it
Per una Consulenza in presenza recati presso il C.F.U. - Centro Formativo Universitario più vicino a te.